Menu Chiudi

Punte per trapano – guida all’acquisto

Impariamo a riconoscere i diversi tipi di punte da trapano in modo da poter scegliere quelle giuste per il tuo progetto e per il materiale che stai forando.

Materiali e finiture delle punte da trapano


I materiali con cui le punte sono fabbricate e le finiture applicate giocano un ruolo significativo nella vita e nelle prestazioni della punta. I materiali e le finiture comuni includono:

  • Punte in acciaio ad alta velocità generiche (HSS) possono forare legno, fibra di vetro, cloruro di polivinile (PVC) e metalli morbidi come l’alluminio.
  • Le punte al cobalto sono estremamente dure e dissipano rapidamente il calore. Sono usate soprattutto per forare l’alluminio e i metalli duri come l’acciaio inossidabile.
  • Le punte HSS rivestite di ossido nero hanno una finitura progettata per aiutare a resistere alla corrosione e aumentare la durata. Durano più a lungo delle punte HSS di base e lavorano bene su una varietà di materiali tra cui metallo, legno duro, legno tenero, PVC e fibra di vetro.
  • Le punte HSS rivestite in titanio producono meno attrito. Sono più resistenti delle punte HSS di base e rimangono affilate più a lungo. Funzionano per forare legno, metallo, vetroresina e PVC.
  • Le punte con punta al carburo rimangono affilate molto più a lungo delle punte in acciaio, HSS o titanio. Sono efficaci per forare piastrelle e muratura.

Come è fatta una punta da trapano?

Per la maggior parte dei tipi di punte, l’angolo della punta aiuta a determinare il tipo di materiale che la punta può forare. Le punte più piatte, come quelle con angoli di 135 gradi, sono adatte per forare in materiali più duri. Possono richiedere un foro pilota per evitare che la punta devi. Le punte più ripide, come quelle con angoli di 118 gradi, sono adatte a materiali più morbidi. Queste tengono meglio il centro e producono fori di entrata e di uscita più puliti. Gli inserti con punte divise migliorano la precisione della foratura, impedendo alla punta di vagare quando si inizia a forare.

La dimensione della punta riflette il diametro del corpo. Alcuni progetti richiedono specifiche misure di punte, ma un set di punte che include misure da 2,5mm a 10mm sarà sufficiente per molti lavori in casa e in officina ( alcuni set partono già da 1mm). Puoi aggiungere punte più grandi se ne hai bisogno.

Il mandrino di un trapano a mano o di un trapano a colonna una punta allo strumento lungo il gambo della punta. Un trapano più piccolo per il lavoro in casa ha in genere un mandrino che ospita punte fino a 10mm. I trapani più potenti per applicazioni più pesanti hanno un mandrino più grande, per ospitare punte da 13 o anche 16mm. Anche i trapani a colonna hanno mandrini più grandi. La dimensione del gambo della punta non deve superare la dimensione del mandrino del trapano. Una punta più grande può avere un gambo ridotto – un gambo con un diametro più piccolo del corpo della punta – che permette di usarla con mandrini più piccoli.

  • Un gambo rotondo permette di centrare accuratamente una punta nel mandrino.
  • Un codolo esagonale ha superfici piane, permettendo all’utensile di afferrare la punta in modo più sicuro per una maggiore coppia. I codoli esagonali come quello nell’immagine qui accanto funzionano con mandrini a cambio rapido – comuni sui trapani a batteria – permettendo di inserirli e rimuoverli senza stringere e allentare il mandrino.
  • Un codolo SDS (slotted drive system) è progettato per l’uso su un trapano a percussione. Si adatta a un mandrino a molla che non richiede di essere stretto. La punta può muoversi avanti e indietro con il movimento di percussione del trapano, mentre le aree appiattite e le fessure sul gambo permettono al mandrino di tenere la punta.

Tipi di punte

Una punta elicoidale è il tipo più comune di punta per trapano per uso domestico. Funziona per forature generiche in legno, plastica e metallo leggero.
Il codolo può essere sia tondo che esagonale per gli innesti rapidi.

Una punta a punta “brad” è progettata per forare nel legno. Il centro della punta aiuta a posizionare l’utensile con precisione per una foratura accurata e produce un punto di uscita pulito nel pezzo da lavorare.

Le scanalature – scanalature che avvolgono la punta e incanalano i trucioli e la polvere – sono extra-large per rimuovere più materiale.

Una punta a coclea è un altro tipo di punta per la foratura del legno, ha una punta a vite che avvia il foro e tira la punta attraverso il pezzo da lavorare per creare rapidamente un foro pulito. Queste punte possono essere lunghe fino a 45 centimetri. Come per la punta brad, le grandi fughe aiutano a rimuovere i trucioli e la polvere. Una punta a coclea con un centro cavo fornisce ancora più rimozione di trucioli, permettendo una foratura più profonda; una punta con un centro solido è più forte e più rigida.

Una punta “autoalimentata” fora il legno. Come la punta a coclea, una vite sulla punta aiuta a posizionare la punta e la trascina attraverso il pezzo da lavorare. Tuttavia, questa punta è più compatta. Non ha le scanalature standard di una punta a torsione, quindi è necessario tirare periodicamente indietro la punta per eliminare i trucioli e la polvere.

Una punta piata, esegue fori di grande diametro – fino a 35mmi diametro – nel legno. Ha una lama appiattita con una punta affilata che aiuta a posizionare e stabilizzare la punta. Alcune punte piatte hanno punte ai due bordi che aiutano a creare un foro e un punto di uscita più ordinati.

Una punta Forstner pratica dei fori lisci e puliti nel legno. Si può usare per creare fori a fondo piatto per ricevere i tasselli. Se hai bisogno di eseguire un foro passante questo utensile crea un foro di uscita pulito. Il design permette anche di sovrapporre i fori. Una punta vi aiuta a posizionare la punta con precisione sul pezzo da lavorare. Estrai la punta regolarmente per eliminare i trucioli e la polvere mentre lavori. Un trapano a mano non sempre può darti la forza o il controllo di cui hai bisogno per usare una punta Forstner, quindi un trapano a colonna è un’opzione migliore per alcune applicazioni.

Una sega a tazza esegue grandi fori per installare la ferramenta della porta o creare fori di ampio diametro. Questo utensile crea anche un tappo di materiale di scarto; un’apertura sul lato del cilindro della sega permette di spingerlo fuori. Tipicamente, una sega a tazza si attacca a un perno o mandrino, che include un gambo. L’alberino contiene anche una punta pilota per centrare e stabilizzare la lama di taglio. Alcune seghe a tazza più piccole hanno un gambo incorporato e non usano una punta pilota. Una sega a tazza bimetallica taglia il legno e il metallo. Una sega a tazza con un bordo in carburo lavora su materiali più pesanti come piastrelle di ceramica e muratura. Una sega a tazza con un bordo di diamante funziona anche su piastrelle e muratura, ma taglia più velocemente dei modelli in carburo.

Una punta di svasatura, chiamata anche punta pilota per viti, è una punta speciale per forare nel legno. In un’unica azione, la punta può praticare fori pilota e svasare contemporaneamente , permettendo di svasare la sede di una vite o creare un foro per installare un tappo sopra la testa dell’elemento di fissaggio.

Una fresa per tasselli pratica dei fori nel legno, creando dei tasselli di legno da usare per nascondere gli incassi, questo tipo di punta necessita di un grande controllo pertanto è consigliabile l’uso con trapano a colonna e pezzo da lavorare ben fisso

Una punta a gradini è progettata principalmente per forare nel metallo sottile, fino a 5mm, ma funzionerà anche con il legno. Il design a gradini permette di usare una sola punta per praticare fori con diametri diversi. Spesso il diametro di ogni passo è inciso nella punta di metallo. Puoi anche usare questo tipo di punta per sbavare i fori, eliminando il materiale di scarto.

Una punta per piastrelle utilizza una punta in carburo per forare alcuni tipi di piastrelle riducendo la possibilità di scheggiature e crepe. Controlla la confezione per determinare le piastrelle che può forare. in genere è specificato il tipo di materiale che può lavorare ( Vetro, ceramica etc )

Una punta da muratura perfora materiali duri come il calcestruzzo, i mattoni e altri tipi di muratura. Alcune funzionano con un trapano rotativo standard con o senza filo ed hanno il codolo liscio, ma quelle progettate per l’uso con un martello rotante o un trapano a percussione, quindi con codolo SDS, possono aiutare la punta per calcestruzzo a forare la muratura in modo più efficace. L’azione martellante dell’utensile spinge la punta in carburo nel materiale, mentre l’azione rotante incanala i detriti lungo le scanalature. Possono avere 2 o 4 taglienti.

ATTENZIONE

Più grande è la punta, più coppia CONTRAPPONE quando gira. Bloccare il pezzo da lavorare – in particolare quando si usano punte Forstner e seghe a tazza con diametri di 4 O PIù CENTIMETRI – aiuta a evitare che la punta giri senza controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *