Menu Chiudi

Come scegliere un respiratore o una maschera di sicurezza

Un respiratore o una maschera di sicurezza è uno strumento fondamentale quando si lavora a qualsiasi progetto che crea particelle sospese nell’aria, utilizzando sostanze chimiche che producono vapori pericolosi o lavorando in un’area polverosa. Proteggiti e lavora comodamente con il respiratore giusto per il tuo progetto.

Quando hai bisogno di un respiratore?

I respiratori sono necessari quando c’è il rischio di respirare sostanze pericolose. Mentre alcuni respiratori, come quelli usati nei vigili del fuoco, forniscono aria pulita da un serbatoio o da un’altra fonte secondaria, i respiratori purificatori d’aria – quelli che filtrano o puliscono le particelle, i gas o i vapori dall’aria mentre si respira – sono necessari per attività di fai da te come levigare, dipingere, smerigliare, tagliare e lavorare con isolamento o cartongesso. I respiratori purificatori d’aria possono essere maschere monouso o maschere riutilizzabili con cartucce o filtri monouso.

Suggerimento
L’attrezzatura che scegli deve fornire la giusta quantità di protezione, ma dovresti anche considerare il comfort. Se i dispositivi ti permettono di lavorare comodamente, sarà più probabile che li userai con costanza.

Maschere protettive:

mascherine igieniche

 per polveri innocue di diametro >=5 micron (non sono considerati Dispositivi di protezione individuale)

Respiratori per particolato

I respiratori per la purificazione dell’aria sono progettati per rimuovere dall’aria particelle come nebbia o polvere. Di solito sono leggere maschere per il viso. Alcune hanno una barra di metallo che si può adattare al ponte del naso per una migliore vestibilità. Nonostante alcuni abbiano uno strato di carbonio per rimuovere gli odori fastidiosi, i respiratori per particolato non proteggono chi li indossa da vapori o gas.

  • FFP1 per la protezione da polveri nocive, aerosol a base acquosa di materiale particellare  (>=0,02 micron) quando la concentrazione di contaminante è al massimo 4, 5 volte il corrispondente TLV (valore limite di soglia)
  • FFP1 per la protezione da vapori organici e vapori acidi per concentrazione di contaminante inferiore al rispettivo TLV
  • FFP2 per la protezione da polveri a media tossicità, fibre e areosol a base acquosa di materiale particellare (>= 0,02 micron), fumi metallici per concentrazioni di contaminante fino a 10 volte il valore limite (buona efficienza di filtrazione)
  • FFP3 per la protezione da polveri tossiche, fumi aerosol a base acquosa di materiale particellare tossico con granulometria >=0,02 micron per concentrazioni di contaminante fino a 50 volte il TLV (ottima efficienza di filtrazione)

La lettera (N, R o P) indica la resistenza agli oli. È necessario sapere quando gli oli possono essere presenti nell’aria perché alcuni riducono le prestazioni del filtro.

  • N: Il respiratore non è resistente agli oli.
  • R: Il respiratore è piuttosto resistente agli oli.
  • P: Il respiratore è molto resistente agli oli.

I respiratori antiparticolato sono monouso, quindi non vanno riutilizzati. Dovresti anche sostituire un respiratore particolato ogni volta che è danneggiato o quando diventa difficile respirare.

Respiratori per gas/vapori

I respiratori purificatori d’aria per gas/vapori sono generalmente in forma di cartucce che si attaccano a una maschera parziale o completa riutilizzabile. Ogni cartuccia è progettata per essere efficace per gas o vapori specifici. Come per i respiratori per particolato, è necessario abbinare la cartuccia al pericolo affinché il respiratore funzioni correttamente. Una cartuccia per gas/vapori da sola non ti proteggerà dalle particelle, a meno che non sia specificamente progettata per includere la filtrazione delle particelle. Le cartucce sono codificate con dei colori per indicare il tipo di pericolo che filtrano. I codici colore comuni includono:

maschere con filtri antigas di classe 1, 2, 3, rispettivamente con piccola, media e grande capacità di assorbimento e con colorazioni distinte dei filtri:

  • marrone per gas e vapori organici
  • grigio per gas e vapori inorganici
  • giallo per anidride solforosa, altri gas e vapori acidi
  • verde per ammoniaca e suoi derivati organici
  • blu/bianco per ossidi di azoto
  • rosso/bianco per mercurio

Ci sono altri codici colore per altri rischi, compresi i colori per i filtri antiparticolato progettati per l’uso con i respiratori a gas/vapori.

Anche se di solito è possibile pulire e riutilizzare la parte della maschera di un respiratore a gas/vapori, non durerà per sempre. Controlla che non sia usurata o danneggiata prima e dopo l’uso e secondo le istruzioni del produttore. Conservare correttamente le cartucce e non usarle dopo la data di scadenza. Quando usi le cartucce, devi sostituirle periodicamente per mantenere la protezione. Le cartucce non offrono protezione una volta che la loro capacità di assorbimento è esaurita, quindi segui le raccomandazioni del produttore.

Altre maschere e coperture per il viso

Esistono altri tipi di maschere per usi anche differenti dai progetti fai da te. A seconda del tipo di maschera, possono ridurre le sostanze irritanti come polvere, polline e trucioli di legno dall’aria che si respira o aiutare a bloccare le goccioline di tosse e starnuti. Alcune sono usa e getta e non dovrebbero essere riutilizzate, ma si possono trovare anche coperture per il viso in tessuto che si possono lavare e riutilizzare. Come con qualsiasi maschera o respiratore, presta attenzione all’uso previsto e a ciò per cui è efficace. Segui le istruzioni del produttore.

Uso di respiratori e maschere di sicurezza

Il livello di protezione di un respiratore dipende dall’uso corretto. Segui sempre le istruzioni del produttore. Ecco alcune considerazioni:

  • I respiratori sono progettati per rischi specifici. Prima di acquistare o usare un respiratore, assicurati che sia efficace per il tipo di lavoro che farai.
  • I respiratori che purificano l’aria richiedono una chiusura ermetica contro il viso per essere efficaci. Devono essere della misura giusta e non ci deve essere nulla – come peli sul viso, basette o piercing – che impedisca loro di sigillare contro il viso.
  • Alcuni respiratori sono etichettati per l’uso domestico o fai da te, mentre altri sono etichettati per l’uso professionale.
  • I respiratori con valvola/ventilazione permettono una più facile respirazione e riducono l’accumulo di calore, rendendo il respiratore più confortevole, inoltre aiutano a non far appannare gli occhiali.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *